LA CRISI & LE RIFORME

La crisi economica italiana ha origine da una pessima amministrazione

delle cose dello Stato, e traducibile in:

– costi della politica,

– e diversificazione esagerata e ingiustificata della retribuzione

  stipendiale tra i livelli stipendiali,

– diversificazione dei trattamenti pensionistici tra le fasce

   pensionistiche secondo i vari livelli stipendiali,

– disequilibrio generale del sistema contributivo,

– costi aggiuntivi ingiustificati dei servizi,

– pressione fiscale sulle piccole e medie aziende,

– mancanza dell’applicazione della riforma patrimoniale,

– assenza di regole normative e cautelative aziendali più eque

   ed agggiornate riguardi ai sistemi di rivalsa pubblica e prelativa

   da parte Equitalia,

– pessimo impiego dei fondi europei per l’occupazione e loro giacenza

   bancaria,

– insussistenza delle politiche e delle strategia per la crescita econo-

   mica,

– inapplicazione di una effettiva riforma pensionistica retributivo-

   contributiva da idearsi all’insegna della scelta della premialità

   contributivo-retributiva nelle forme della premialità per tutto il

   decorso del diritto pensionistico.

– inconsistenza dei tagli agli stipendi alti e medio-alti,

– incoNsistenza dei tagli alle pensioni d’oro

   In effetti tutto è ancora una volta di rifare e ben poco è stato fatto

   bene.

 

                                                          Rinaldi Angelo

 

 

 

 

– ,

LA CRISI & LE RIFORMEultima modifica: 2012-05-10T14:24:00+02:00da anselrin
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento